WELCOME_MESSAGE

Procura Template - Ministero della Giustizia

Procura template

Certificato del Casellario Giudiziale Europeo e Informazione con valore legale sui precedenti penali Europei

cos' è

Il Certificato del Casellario Giudiziale Europeo riporta i provvedimenti di condanna pronunciati nell'ambito dell'Unione Europea a carico dei cittadini italiani. E' ricompreso, per tutti i cittadini italiani, nel Certificato del Casellario Giudiziale Nazionale rilasciato all'interessato (art.24 co.1 bis D.P.R. n.313/02) ma può essere richiesto autonomamente ai sensi dell'art.25 ter D.P.R.n.313/02.

Per i cittadinidi altro Stato membro dell'Unione Europea possono essere rilasciate informazioni con valore legale sulle condanne emesse sul territorio dell'Unione Europea.

Esse riportano i provvedimenti di condanna pronunciati in ambito UE a carico del cittadino non italiano. Le informazioni sono prodote tramite il sistema di interconnessione denominato ECRIS ai sensi dell'art.25 ter co.2 D.P.R. 313/02 e possono essere rilasciate solo dopo 10 gg lavorativi dalla richiesta.

Gli unici Paesi Europei non ancora connessi al sistema ECRIS sono: Malta, Portogallo, Slovenia e Grecia, con iquali la connessioneè in corso d'opera. Risulta invece operativa la connessione con la Gran Bretagna.

L'informazione con valore legale sui precedenti penali relativi a condanne emesse nel territorio dell'Unione Europea riporta i provvediemti di condanna pronunciati in ambito UE a carico di un determinato cittadino non italiano e deve essere accompagnata dal certificato del casellario nazionale al fine della conoscenza dei provvedimenti giudiziari riportati sull'intero territorio dell'Unione Europea.

Per ulteriori approfondimenti si rinvia al sito del Ministero della Giustizia.

UFFICIO INCARICATO

Il Casellario Giudiziale

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

Requisiti della richiesta:

La richiesta del certificato può essere presentata utilizzando l'allegato  Mod.Cas.A "Richieste al Casellario Giudiziale da parte dell'interessato" e deve essere sempre sottoscritta dall’intestatario del certificato (detto anche richiedente o interessato), unitamente a:

  • ricevuta del pagamento ESCLUSIVAMENTE tramite pagoPA:

    di € 19.92 per certificati da rilasciare senza urgenza oppure

    di € 23.84 per certificati da rilasciare CON URGENZA (in questo caso certificati o visure saranno rilasciati nella stessa giornata della richiesta, dalle ore 12.45 alle ore 13.00).

  • documento di identità in corso di validità (Decr. Dir. 01/08/2005) dal quale risulti la residenza.

Se la richiesta NON è presentata personalmente dall’intestatario del certificato o richiedente, occorrono anche:

  • delega del richiedente da presentarsi utilizzando il Mod.Cas.B "Delega per Richieste e Ritiro atti al Casellario Giudiziale". L'intestatario del certificato, o richiedente, autorizza il delegato al ritiro del certificato anche nel caso in cui lo stesso risulti positivo sottoscrivendo apposita autorizzazione;
  • copia del documento del richiedente o delegante dal quale risulti la residenza.

Casi in cui il rilascio dei certificati è gratuito:

  • per essere esibito nelle procedure di adozione, affidamento di minori e affiliazione (art. 82 L.184/83);
  • per essere esibito nelle controversie di lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria (art. 10 L. 533/73);
  • per essere unito alla domanda di riparazione dell’errore giudiziario (art. 176 disp. att. c.p.p.);
  • per pratiche di divorzio e separazione (art. 19 L. 74/1987);
  • per ricorso avverso diniego ricongiungimento familiare per stranieri (art. 28 co. 6 L. 40/98).

Altri casi di esenzione dal bollo, con corresponsione dei soli diritti di certificazione, sono elencati nel D.P.R. 642/72, tabella allegato B.

L’utente che intenda usufruire dell’esenzione dal pagamento del bollo e/o dei diritti di certificato, produrrà idonea documentazione a dimostrazione di tale diritto (es.: numero del procedimento in caso di esenzione per separazioni, gratuito patrocinio o controversie di lavoro; dichiarazione del Presidente della ONLUS che il certificato richiesto dal privato è legato ad una attività della stessa, etc.).

Casi particolari di presentazione:

  • per i minorenni, la domanda va presentata dal genitore esercente la potestà genitoriale alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni;
  • per gli interdetti o i soggetti sottoposti ad amministrazione di sostegno, la domanda va presentata dal tutore o dall'amministratore che dovranno esibire il decreto di nomina;
  • la persona detenuta, o inserita in una comunità terapeutica, può inoltrare la richiesta per posta, o tramite un delegato. Nel caso in cui l’interessato non sia in possesso di documenti identificativi dovrà fare autenticare la firma apposta sulla propria richiesta di certificato dal direttore del carcere, dall’ufficio matricolare o dalla struttura terapeutica ospitante.

Per approfondimenti sulle diverse tipologie di certificati sopra indicati si rinvia al sito del Ministero della Giustizia.

Torna a inizio pagina Collapse